19-10-2019 11:29

News

Consegnati a Coverciano i premi alla memoria di Ferruccio Salvetti

06 Jun 2019

Si è tenuta il 4 Giugno 2019 la prima edizione del Premio intitolato alla memoria di Ferruccio Salvetti la consegna si è svolta presso la Sala "Mario Valitutti" del Museo del Calcio di Coverciano a Firenze.

Si tratta di un Premio fortemente voluto dai suoi figli Alessandra, Giandomenico e Pierfrancesco, e nasce con l’intento non solo di ricordare la figura di Ferruccio Salvetti, come uomo e come sportivo, ma anche per attribuire a figure del mondo del calcio e dello sport in generale, sia a livello nazionale che internazionale, un riconoscimento per l’impegno e la passione messi nell’attività svolta, da ciascuno dei premiati.

Lo sport è stato sempre un connotato importante nella vita di Ferruccio Salvetti: uomo discreto, dedito al lavoro, alla famiglia e alla sua grande passione per l’arbitraggio.

La storia di Ferruccio Salvetti è quella di un uomo che nato in umile famiglia contadina di un piccolo paese dell’Appennino Tosco-Romagnolo e mandato a studiare in collegio a Firenze è cresciuto e si è formato alla Madonnina del Grappa con Don Facibeni, dove ha avuto modo di prendere un titolo di studio e di inserirsi nel mondo del lavoro. Per oltre 30 anni ha lavorato nella multinazionale farmaceutica Eli Lilly ricoprendo vari ruoli fino a diventare responsabile dell’ufficio acquisti.

Allo stesso tempo, sempre cominciando alla Madonnina del Grappa come dirigente della squadra di calcio, conobbe l'arbitraggio attraverso Artemio Franchi giovanissimo dirigente sportivo dell’epoca (negli anni successivi diventato Presidente della FIGC, Presidente Uefa e Vice Presidente Fifa), a metà degli anni ‘50 che lo introdusse al mondo del fischietto al quale Ferruccio se ne appassionò fino al punto da far diventare l'AIA la sua seconda famiglia ed alla quale fino agli ultimi giorni della sua vita ha dedicato tempo e partecipato all’attività. Ex guardalinee di Serie A dell’Associazione Italiana Arbitri, nella sua carriera ha avuto modo di collaborare con i migliori arbitri italiani degli anni ’70- e primi ’80 da Michelotti a Menicucci, da Ciacci a Giunti, da Agnolin a Casarin. Arbitro benemerito e per oltre 50 anni associato all’AIA (prima della sezione di Firenze e poi sin dalla sua nascita a quella di Prato) ed insignito della medaglia d’oro. Ma non solo amante del calcio, Ferruccio è stato un grande appassionato dello sport e dei suoi valori in generale, e a questa sua passione ha dedicato tutta la sua vita, diventando punto di riferimento per le giovani generazioni arbitrali come simbolo di discrezione, professionalità e attaccamento.

Il Premio intitolato alla sua memoria nasce proprio con lo scopo di valorizzare quelli che sono stati per Ferruccio i pilastri fondamentali del suo percorso di vita all’insegna dello sport: l’impegno, lo spirito di sacrificio e la passione.

Un percorso che umanamente, professionalmente e sportivamente lo ha ripagato in maniera importante.

Proprio per questo motivo i suoi tre figli, a più di cinque anni dalla sua scomparsa, hanno pensato che il modo migliore per ricordare Ferruccio fosse quello di istituire questo Premio.

Il riconoscimento sarà attribuito ogni anno a personaggi che nel loro ambito hanno incarnato i valori dello sport tanto cari a Ferruccio, e sarà accompagnato da una motivazione che verrà letta in sala da un ospite.

 

Per l’edizione 2019 del Premio, la prima, i premiati sono stati:

 

Paolo CASARIN (già Arbitro Internazionale, editorialista del Corriere della Sera e opinionista tv a “Quelli che il Calcio“ e radiofonico a "Radio Anch'io Sport su Rai Radio 1) premiato dal caporedattore della Gazzetta dello Sport Antonello Capone.

Michele UVA (Vice Presidente UEFA ed ex DG della Federazione Italiana Gioco Calcio) premiato dal Direttore di Sky Sport Federico Ferri

Gianluca ROCCHI (Arbitro Internazionale e arbitro della Finale di Europa League 2019 Arsenal - Chelsea) premiato dal Direttore de La Nazione Francesco Carrassi

Un premio speciale è stato consegnato anche all'ex arbitro Alberto Michelotti (che non potendo intervenire di persona ha inviato un videomessaggio) in sala a ritirare il premio era presente il Direttore della Gazzetta di Parma Claudio Rinaldi.

E' stata una bellissima cerimonia, molto partecipata, con tanti arbitri ed ex arbitri che sono intervenuti per questo momento di ricordo Ferruccio che è rimasto nei cuori di tanti associati pratesi e non solo.

ULTIME NEWS

Designazioni Nazionali del 19-20 Ottobre

19 Oct 2019

Si rendono note le designazioni degli Arbitri e Assistenti della nostra Sezione a disposizione degli Organi Tecnici Nazionali per il prossimo fine settimana. C.A.I. Adil Bouabid si...continua

Designazioni Futsal 18-20 Ottobre

18 Oct 2019

  Eccoci all’appuntamento con le designazioni dei nostri associati che operano nel Calcio a 5 a livello nazionale e regionale. In Serie C1, massima categoria...continua

A Prato la visita del Settore Tecnico AIA

14 Oct 2019

Lunedì 7 Ottobre si è tenuta la prima Riunione Tecnica stagionale che ha visto come ospite Ciro Camerota di Arezzo, rappresentante del settore tecnico nonché osservatore in forza...continua

Designazioni Regionali 13 Ottobre

13 Oct 2019

Andiamo a vedere le designazioni regionali dei fischietti pratesi per questo fine settimana:   In Eccellenza: Alessandro Niccolai, coadiuvato da Marco Misson e Alessio Matteucci,...continua